Home » MULTE - ULTIMA ORA

MULTE - ULTIMA ORA

AUTOVELOX - NOTIZIE DELL'ULTIMA ORA ED I SOLITI IMBROGLI ALL'ITALIANA

AUTOVELOX - NOTIZIE DELL'ULTIMA ORA ED I SOLITI IMBROGLI ALL'ITALIANA - LA MULTA ED IL RICORSO
Giugliano in Campania 18/03/2010 ore 09.15
FINALMENTE!!! ED ERA ORA, E' ARRIVATA UNA NUOVA BATOSTA PER I COMUNI CHE FANNO I FURBI, USANDO AUTOVELOX IN LOCAZIONE DA SOCIETA' PRIVATE. LA CASSAZIONE VI SEZIONE PENALE CON LA SENTENZA N. 10620 HA DETTO ANCORA UNA VOLTA BASTA ALLA TRUFFA. Vedi articolo nel link SENTENZE CASSAZIONE.


Giugliano in Campania 05/08/2009 ore 13.40

AUTOVELOX COL TRUCCO, PIU' DI 200 INDAGATI NEL CASERTANO Autovelox col trucco: secondo questa ipotesi investigativa, più di 200 persone, tra cui sindaci, assessori e comandanti delle Polizie municipali, sono indagate nel Casertano nell'ambito di un'operazione dei carabinieri di Capua e della Polizia stradale di Caserta in esecuzione di un decreto di sequestro preventivo della Procura di Santa Maria Capua Vetere. Le indagini hanno avuto per oggetto il rilevamento delle infrazioni, evidenziando un sistema che secondo gli investigatori "rappresentava un modo di facile, ingiusto e rilevante profitto".
Non appena avrò l'elenco dei comuni interessati, immediatamente lo pubblicherò. Continua ....
Giugliano in Campania 23/06/2009 ore 20.25
Visto che continuano ad arrivare verbali elevati dall'autovelox TRAFFIPHO III SR del comune di Pietravairano (CE), ho contattato la Guardia di Finanza di Sala Consilina (SA), ed ho scoperto che gli autovelox sequestrati sono solo del tipo VELOMATIC 512, di cui ne aveva uno anche il comune di Pietravairano, pertanto e purtroppo il TRAFFIPHOT SULLA S.S. 372 (TELESINA E' TUTT'ORA IN FUNZIONE). PERTANTO, PURTROPPO BISOGNA CONTINUARE A CONTESTARLI CON RICORSO AL GIUDICE DI PACE.
 
Cassazione II Sez. Civ. n. 7388 del 19/02/2009

SEMAFORO ROSSO: UNA O DUE FOTO NON BASTANO PER FARE UNA MULTA SENZA LA PRESENZA DEL VIGILE


Una foto scattata ad un automobile che passa con il semaforo rosso non basta per fare una contravvenzione. Ci deve essere anche il vigile.
La Suprema Corte, con sentenza n. 7388/2009 ha infatti stabilito che per fare la multa è necessaria la presenza di un agente sia perché questi ha l'obbligo di fare la contestazione immediata, sia perché, in sua mancanza, non è possibile verificare le effettive situazioni in cui l’apparecchio di rilevamento opera e ciò potrebbe dare luogo ad equivoci.
D'ora in avanti dunque gli apparecchi fotografici di rilevamento automatico istallati nei pressi degli incroci potrebbero servire a poco a meno di non garantire per ognuno di essi la presenza di chi è abilitato a fare contravvenzioni.

MINTURNO -  GUINNES DELL'ILLEGALITA' CON  BEN NOVE AUTOVELOX  E CIRCA 200.000 VERBALI FUORI LEGGE

Il comportamento della Polizia Municipale di Minturo, che, con ben nove autovelox otto fissi e uno mobile totalmente gestisti dalla SOES, alla quale viene riconosciuto il 34% più IVA sugli icassi, definire illegale, scorretto, offensivo e lesivo del diritto alla difesa sancito dall’art. 24 della Costituzione, nei confronti degli automobilisti non è certo un’esagerazione, dai quali tra l’altro la stessa poi pretende cifre che vanno da € 49,00 a 370,00, oltre la decurtazione di punti e ritiri di patenti.  Perfino la sede ed i nn. di telefono indicati sui verbali sono falsi, nel senso che all'indirizzo indicato non c'è nessun comando della Polizia Municipale ma la sede della SOES ed i nn. di telefono sono della stessa, provate a telefonare.
A Minturno i verbali tanto da parcheggi che da autovelox, tutti illegali, veri e propri falsi in atto pubblico, in numero di ben oltre 200 mila, risultano "rilevati, accertati, visionati e notificati" dal solo Vigile S. Ten De Galizio Gustavo. Va accertato quanti ne siano stati visionati, per ogni giorno ed anche durante la notte, ferie incluse. Non bastasse, con arroganza inaudita ed abuso di potere, comunica addirittura dati falsi sulla sede della Polizia Municipale e numeri di telefono.
Inoltre, a Minturno, dal mese di ottobre 2006 e fino al 24 novembre successivo, vennero rilevate "a mezzo di apparecchio mobile su auto civetta, così come previsto dalla gara espletata, 3.287 infrazioni al Codice della Strada per un importo di € 370.781,00".
Il tutto dettato dalla sola ed unica necessità "di far cassa" e non certo per la salvaguardia della vita umana o per il rispetto del Codice della Strada.
Autovelox a Minturno, indaga la Finanza. Inoltre, la Magistratura deve accertare se i servizi di sviluppo e di visura vengono effettuati, come in effetti avviene, da persone estranee al Corpo dei Vigili Urbani e, pertanto, viene messa a rischio la privacy spettando la "visionatura e lo sviluppo dei rullini", solo alla Vigilanza Urbana.
Allo stato, i verbali, redatti dagli Ausiliari o da persone estranee , sarebbero a presupposto di quelli, notificati, mancanti, addirittura, della prescritta firma del Vigile Urbano.. Le raccomandate, inoltre, vengono spedite senza la indicazione dell'Ufficio Postale di partenza con il servizio di "Raccomandata per Abbonamento" e di esse la "Nota di Spedizione" deve essere di pertinenza dei Vigili Urbani e non di ditta e persone estranee all'Ufficio comunale.
Tutto ciò è solo da Procura della Repubblica, trattandosi semplicemente di  vero e proprio abuso di potere, falso in atto pubblico ed attività proditoria a danno di ignari automobilisti.
LA MULTA ED IL RICORSO HA GIA' PRESENTATO DECINE DI RICORSI, TUTTI DOCUMENTATI CON VISURA DELLA DITTA SOES S.p.A. DI TELESE (BN) LOCATRICE DEGLI APPARECCHI, CHE NON HA NEPPURE I DOVUTI REQUISITI E LA DELIBERA DELLA GIUNTA, DALLA QUALE RISULTA CHE ALLA SOES VIENE RICONOSCIUTO IL 34% PIU' IVA SUGLI INCASSI (VIETATO DALLA LEGGE), I RICORSI SONO TUTTI ACCOGLIBILI.

Chiunque abbia una notizia,  un articolo o una foto curiosa, riguardante il Codice della Strada, può inviarla e sarà pubblicata col suo nome, il sito è stato ideato e pubblicato a favore di tutti gli automobilisti e non certo per finirli di spennare, basta guardare le tariffe applicate e confrontarle con le altre che si trovano sul web.



NUOVI TERMINI PER PROPORRE RICORSO AL GIUDICE DI PACE NON PIU' 60 MA 30 GIORNI

NUOVI TERMINI PER PROPORRE RICORSO AL GIUDICE DI PACE NON PIU' 60 MA 30 GIORNI - LA MULTA ED IL RICORSO
 

ECCO L’ULTIMA TROVATA ALL’ITALIANA!!! DIMEZZATI I TERMINI PER PROPORRE RICORSO AVVERSO I VERBALI PER SANZIONI AMMINISTRATIVE, DA 60 A 30 GIORNI PER I VERBALI CHE SARANNO NOTIFICATI DAL

06 OTTOBRE 2011

Sicuramente per gli AUTOMOBILISTI la novità più importante riguarda le multe stradali. Infatti con le nuove regole è previsto il dimezzamento dei tempi per opporsi. Il termine entro il quale proporre ricorso al Giudice di Pace per tentare l'annullamento del verbale, passa, infatti, DA 60 A 30 GIORNI dalla sua ricezione. I termini decorrono dalla DATA DI CONTESTAZIONE IMMEDIATA della violazione oppure dalla NOTIFICAZIONE del verbale di accertamento. Il dimezzamento dei termini avrà conseguenze sulle dichiarazioni di inammissibilità per ritardo. Una buona notizia per l’amministrazione della giustizia che vedrà alleggerirsi il carico di lavoro, meno per gli automobilisti che dovranno “correre” NON SULLE STRADE O AUTOSTRADE, ma solo per fare valere le proprie ragioni.

UNA DOMANDA, MA NON FANNO PRIMA SE CI FERMANO CON I MITRA SPIANATI E CI RAPINANO DI TUTTO QUELLO CHE ABBIAMO ADDOSSO, AUTO COMPRESA?

AUTOVELOX IN LOCAZIONE DEI COMUNI NULLE LE MULTE SENZA LA PRESENZA DEL VIGILE

AUTOVELOX IN LOCAZIONE DEI COMUNI NULLE LE MULTE SENZA LA PRESENZA DEL VIGILE - LA MULTA ED IL RICORSO

Giugliano in C., lì 17 aprile 2011.

Non tutto va a rotoli in questo paese, di tanto in tanto qualcuno si sveglia di buon umore, ecco cosa ha stabilito la Cassazione:

Corte di Cassazione – Sezione II civile – Ordinanza 5/4/2011 n. 7785

Nulla la multa per eccesso di velocità rilevata con autovelox senza la presenza dell’agente accertatore al momento dell’elaborazione della rilevazione.

Lo ha stabilito la seconda sezione civile della Cassazione con l’ordinanza 7785/2011 che ha respinto il ricorso di un Comune nei confronti di un automobilista avverso la sentenza del Tribunale di Bolzano.

Al proprietario del veicolo era stata contestata una multa per eccesso di velocità rilevata con autovelox.

Il Comune aveva appaltato a una ditta privata la gestione degli apparecchi di rilevamento e aveva dichiarato che questa attività era stata svolta sotto la supervisione della polizia municipale, senza però specificare in cosa consistesse la supervisione e senza indicare concretamente come fosse stato organizzato il collegamento tra l’attività di rilevamento delle infrazioni ed il soggetto preposto al servizio di Polizia.

Una dicitura che non ha convinto, in primis il Tribunale di Bolzano, e successivamente  i giudici di Piazza Cavour secondo i quali dal verbale di accertamento non emergeva adeguatamente che “il rilevamento, cioè l’elaborazione della rilevazione, avveniva a opera di un agente preposto al servizio di polizia stradale, unico abilitato ad attribuire fede privilegiata all’accertamento” e, quindi, hanno confermato l’invalidità della sanzione.

Ora c’è solo da augurarsi che tutti i GIUDICI DI PACE applichino l’ordinanza, così comuni e province la smetteranno di far cassa a danno dei soliti ignoti, pardon AUTOMOBILISTI !!!!

 

AUTOVELOX TRUFFA, TRAPPOLE, IMBOSCATE E BIDONI STOP DA MARONI - ED ERA ANCHE ORA

AUTOVELOX TRUFFA, TRAPPOLE, IMBOSCATE E BIDONI STOP DA MARONI - ED ERA ANCHE ORA - LA MULTA ED IL RICORSO
Giugliano in Campania 21 agosto 2009.

E, smettiamola di lamentarci sempre dei nostri POLITICI, ogni tanto qualcuno di loro dimostra di avere "fegato e cervello", mi riferisco al "MINISTRO DEGLI INTERNI MARONI" che ha avuto veramente grande coraggio e, gliene va dato atto, anche se con pò di ritardo, ma non è mai troppo tardi, finalmente  ha detto basta agli autovelox truffa, trappole, imboscate e bidoni dei comuni, usati in locazione da ditte private per fare solo cassa, pardon truffare soldi ai soliti ignoti "AUTOMOBILISTI". Mi auguro anche, che il Ministro ordini con Decreto Legge ai SINDACI. COMANDANTI DEI VV. UU. ED I TITOLARI DELLE SOCIETA' LOCATRICI DEGLI AUTOVELOX , di restituire di tasca propria tutti i soldi rubati e truffati agli automobilisti, diversamente che vengano incappucciati e spediti con tutti gli autovelox, direttamente NEL DESERTO DEL SAHARA a piantare lì gli autovelox, con la speranza che mettano sù rami e foglie per potersi riparare dal sole ed a rilevare eccessi di velocità ai cammelli, se poi i cammelli non passano o vanno piano, sono cavoli loroha! ha! ha! hi! hi! hi! hi!  In particolare, va spedito direttamente nel SAHARA, un certo "S. TEN. DE GALIZIO GUSTAVO" della POLIZIA MUNICIPALE DI MINTURNO, per vedere se trova un COMPUTER che gli permette di rilevare, accertare, notificare 1.860 verbali e di registrarne soltanto altri 21.954 nello stesso minuto, così come ha il coraggio di affermare di aver fatto il giorno 14/05/2009 alle ore 12.18. ha! ha! ha! hu! hu! hi! hi! hi! Se ciò si dovesse veramente avverare, metterò subito sù anche un'agenzia viaggi, per organizzare gite turistiche, per andarli a visitare e VEDERE POI DI NASCOSTO L'EFFETTO CHE FA'!!! ha! ha! ha! hi! hi! hi!

LA STANGATA IL CONTRIBUTO UNIFICATO DAL 1° GENNAIO E LA BEFFA DAL 31 LUGLIO 2010

LA STANGATA IL CONTRIBUTO UNIFICATO DAL 1° GENNAIO E LA BEFFA DAL 31 LUGLIO 2010 - LA MULTA ED IL RICORSO

GIUGLIANO IN C., 30 GENNAIO 2011.

MARCA DA BOLLO DA 8,00 EURO PER RICORSO AL GIUDICE DI PACE, ADDIO.

Nessuno lo sà, o meglio fanno finta di non saperlo per incassare (pardon, meglio dire alleggerire i portafogli) euro, mi spiego subito, "PER PROPORRE RICORSO AL GIUDICE DI PACE NON C'E' MAI STATO BISOGNO DELLA MARCA DA BOLLO DA 8,00 EURO". Eppure questi signori, hanno fatto silenzio assuluto, l'importante si sa è incassare. Solo da qualche giorno, per puro caso, mi sono inbattuto in una nota del Ministero della Giustizia del 28/10/2010, con la quale lo stesso ha comunicato agli Uffici Competenti, che: PER I RICORSI AL GIUDICE DI PACE, CONTRO SANZIONI AMMINISTRATIVE, FINO AD UN IMPORTO DI 1.033,00, OCCORRE SOLO IL CONTRIBUTO UNIFICATO 33,00 EURO E NON ANCHE LA MARCA DA 8,00 EURO. Nel frattempo, nessuno ha informato nessuno e lo Stato ha incassato fior fior di milioni di euro.

P.S.: La nota esplicativa del Ministero della Giustizia, è a disposizione gratuitamente a chiunque ne faccia richiesta.

GIUGLIANO IN C., 03 AGOSTO 2010.

FANNO LA FOLLA DAVANTI ALLE TELECAMERE, PARLO DEI NOSTRI SIGNORI GOVERNANTI, PER URLARE A SQUARCIAGOLA: NON ABBIAMO MESSO LE MANI NELLE TASCHE DEGLI ITALIANI, NON ABBIAMO AUMENTATO LE TASSE, POI VAI A LEGGERE LA LEGGE N. 122 DEL 30/07/2010, COSIDDETTA MODIFICHE ALLA FINANZIARIA E COSA SCOPRI?
Più cari i ricorsi contro le multe per violazione al Codice della Strada
Il contributo unificato per rivolgersi al giudice di pace aumenta SOLO DEL 10%, DOPO APPENA 7 MESI DALLA SUA ENTRATA IN VIGORE, E, POI CIERCANO PURE DI FARCI CREDERE CHE L'INFLAZIONE E' ALL'1,5%, "MA CI FACCINAO IL PIACERE!!!! COME DICEVA TOTO'". SE NON USCIRANNO DALLE TASCHE DEGLI AUTOMOBILISTI ITALIANI, DA DOVE CREDONO CHE USCIRANNO 3 EURO IN PIU' PER OGNI RICORSO, QUESTI SIGNORI GOVERNANTI? VUOI VEDERE CHE QUESTI SIGNORI SONO CONVINTI CHE CHE I SOLDI ESCONO DALLE RUOTE DELLE NOSTRE AUTOVETTURE, PROVIAMO A CONTROLLARE BENE LE RUOTE DELE NOSTRE AUTOVETTURE, QUANDO CI FERMIAMO, VUOI VEDERE CHE TROVEREMO DEGLI EURO FRESCHI DI STAMPA!!!! MA, LA SMETTESSERO UNA VOLTA E PER SEMPRE A PRENDERCI PER I FONDELLI.

E' scattato il 31 luglio 2010 l’aumento al 10% del contributo unificato che deve essere pagato da chi presenta ricorso al giudice di pace contro una multa stradale. Questo è quanto prevede l’articolo 48-bis introdotto dalla legge 122/2010 che ha convertito il decreto legge 78/2010 (c.d. manovra correttiva 2010). Fino al 2009 tutte le opposizioni al giudice di pace, inclusi i ricorsi contro le multe stradali, erano gratuiti, esenti da ogni tassa ed imposta. Con l’entrata in vigore della Legge Finanziaria 2010, invece, tali opposizioni sono stati assoggettati al pagamento del contributo unificato e delle spese forfetizzate. Quanto si deve pagare ancora non lo sappiamo? questa è comunque l'ennesima riprova della malagiustizia italiana. Per far desistere il cittadino dal presentare ricorso, date le cifre di solito non eccessive, dall'esisto spesso e volentieri incerto, ci si inventa pure questa al fine di consentire ai comuni di incassare soldi comunque. E' l'ennesima presa per i fondelli del cittadino. Sono i soliti pasticcioni al servizio dei poteri forti, ovviamente superpagati. Hanno tagliato a manca e dritta, ed ora hanno detto agli Enti Locali: ARRANGIATEVI CON LE MULTE.
IL DANNO OLTRE LA BEFFA: COME AL SOLITO, I MEDIA, TV E GIORNALI, HANNO FATTO SCENA MUTA, E, POI LA CHIAMANO PURE LIBERTA' D'INFORMAZIONE (DI REGIME PERO'), SE QUALCUNO HA APPRESO DALLA TELEVISIONE O LETTO SU QUALCHE GIORNALE, DELL'AUMENTO DEL 10% DEL CONTRIBUTO UNIFICATO, ME LO FACCIA SAPERE.

 

 

 

PROCESSO TELEMATICO

PROCESSO TELEMATICO - LA MULTA ED IL RICORSO

CASALI IN MAREMMA

CASALI IN MAREMMA - LA MULTA ED IL RICORSO

CERCHI CASA?

CERCHI CASA? - LA MULTA ED IL RICORSO